Cerca
  • Gerusia informazione

Che cos'è il wandering nell'anziano affetto da demenza e cosa di può fare?


Si definisce #wandering il comportamento di vagabondaggio, frequente nelle persone affette da #demenza. L’#anziano deambula senza sosta, apparentemente senza un obiettivo. Le cause possono essere diverse: il #deficit di #memoria, per cui dimentica lo scopo dei suoi spostamenti, la noia, l’agitazione, il disorientamento, l’ambiente rumoroso, la vicinanza di una persona non gradita, il cambiamento improvviso del suo ambiente o della sua stanza…Spesso, si osserva in che se ne prende cura la tendenza a soffocare questo bizzarro comportamento. In realtà, il wandering può produrre anche dei benefici: 1. Favorisce la socializzazione con altre persone e rende più familiare lo spazio circostante; 2. Costituisce una forma di stimolazione sensoriale, attraverso l’esperienza di ambienti diversi; 3. Rinforza l’autostima, attraverso la possibilità di decidere in modo autonomo dove andare; 4. Comunica un bisogno: mi muovo perché ho fame, ho sete, mi sto annoiando, mi disturba il rumore, mi sento solo, ho bisogno di andare in bagno, ecc.. 5. Conserva le abilità motorie e favorisce il benessere psicologico, riducendo l’inattività che accelera il decadimento cognitivo; 6. Promuove il mantenimento della memoria procedurale, attraverso la riattivazione di schemi motori del passato

Come favorire il vagabondaggio in sicurezza? 1. Mascherare le uscite per evitare i tentativi di fuga; 2. Predisporre degli angoli curiosi, che attirino l’attenzione, come giornali, rastrelliera con cappelli e borse, fotografie… 3. Creare ambienti semplici ma che conservano un aspetto domestico; 4. Mettere le etichette sui pensili (se è ancora in grado di leggere) per indicare cosa contengono, affinchè l’anziano trovi facilmente quello che andava cercando e non spostare gli oggetti di uso quotidiano; 5. Nelle strutture, si può pensare alla creazione di percorsi di cammino multisensoriale che diminuiscono la ricerca dell’uscita e migliorano il tono dell’umore; 6. Garantire un ambiente sicuro dove muoversi, per cui le stanze devono essere ben illuminate, oggetti o strumenti potenzialmente pericolosi devono essere fuori dalla portata, i tappeti devono essere fissati a terra, la chiusura delle porte andrebbe modificata, affinché la persona non possa accidentalmente rimanere chiusa in una stanza, i mobili ingombranti andrebbero eliminati, come qualunque cosa dove possa inciampare, ecc... 7. Assicurarsi che indossi calzature adeguate, gli occhiali e le protesi acustiche se utilizzati.

8. Ogni tanto proporgli da bere o uno snack in modo che si fermi a riposare e non si disidrati.

0 visualizzazioni

© 2023 by End Hunger. Proudly created with Wix.com

  • Black Facebook Icon
  • Black Twitter Icon
  • Black Instagram Icon